Flai, anche da Lecco per la manifestazione a Roma contro il caporalato

 

Anche Flai Cgil Lecco ha partecipato alla grande manifestazione unitaria a Roma, sabato 11 maggio, di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil per accendere i riflettori sul lavoro agricolo e dell’industria alimentare. Un’occasione per lanciare la nuova piattaforma con la richiesta forte di aumentare i salari dei lavoratori e rinnovare i contratti nazionali fermi da anni per alcune categorie (per gli operai forestali da sette, per gli allevatori addirittura da dieci). E per protestare per la mancanza di ammortizzatori sociali per i lavoratori della pesca e per chiedere l’applicazione della legge 199 per combattere il caporalato.

La manifestazione “Le radici del lavoro” si colloca nell’ambito delle iniziative di Cgil, Cisl e Uil promosse a partire dal 9 febbraio. Si è svolta a Roma, in piazza della Bocca della Verità, con la partecipazione del segretario generale della Cgil Maurizio Landini e dei segretari generali aggiunti di Cisl Luigi Sbarra e Uil Pierpaolo Bombardieri.

“È stata una manifestazione importante per combattere la piaga del caporalato, diffusa anche nel nostro territorio – afferma il segretario organizzativo della categoria lecchese Massimo Sala –. Siamo scesi in piazza per tutelare i diritti dei lavoratori del settore, questione su cui è incentrata la nuova piattaforma per il rinnovo dei contratti nazionali ancora fermi”.

Scarica qui il volantino

 

 

Condividi!