Le federazioni di Categoria > FILT Trasporti > news

30 settembre: sciopero regionale del settore Merci Logistica e Cooperative. La lettera delle Organizzazioni Sindacali

22.09.2016

images

L’inaccettabile morte dell’operaio che lavorava presso la GLS di Piacenza avvenuta nella serata di mercoledì 14 settembre durante una protesta sindacale, al di là della dinamica dei fatti sui quali va fatta piena luce rapidamente, rappresenta l’ennesimoe e gravissimo episodio che interessa il settore della Logistica.

Già venerdì 16 settembre in molti siti produttivi della nostra Regione nei territori di Bergamo, Mantova, Lodi, Milano, Pavia, Brescia ci sono state mobilitazioni spontanee dei lavoratori in segno di protesta per le condizioni del settore e di solidarietà verso il lavoratore rimasto ucciso.

Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti da tempo denunciano ad ogni livello istituzionale e alle Associazioni Datoriali le condizioni di grande precarietà e criticità di un settore strategico.

Riscontriamo purtroppo che il Sindacato Confederale troppo spesso si è trovato da solo ad affrontare vertenze complicate e situazioni che travalicano l’ambito sindacale, per le quali è necessario un’attenzione e una capacità d’intervento delle Istituzioni e degli Organi di Vigilanza e Controllo che troppo spesso è mancata.

Uomini e donne che quotidianamente sono costretti a ritmi di lavoro spesso fuori da ogni previsione di legge, a retribuzioni al di sotto del Contratto Nazionale di Lavoro, a ricatti e sfruttamento, operando spesso in condizioni prive delle norme minime di sicurezza e a discapito della salute e della sicurezza.

Considerate le denunce che il Sindacato porta puntualmente all’attenzione delle committenze, suffragate da prove concrete, è evidente la responsabilità delle stesse Aziende nel proliferare di un modello produttivo opaco che nasconde, dietro le grandi multinazionali del settore, una ramificazione di appalti e sub appalti gestiti spesso da finte cooperative con grandi volumi di capitali in circolazione.

Un sistema quindi che attrae soggetti imprenditoriali in cerca di facili guadagni determinati anche attraverso una diffusa evasione fiscale e contributiva nonché dall’utilizzo di forme di caporalato di fatto e, come si evidenzia dalle tante inchieste, si presta come terreno fertile per le infiltrazioni della criminalità organizzata.

In Lombardia il settore, caratterizzato da grandi poli logistici con migliaia di metri cubi di magazzini e automezzi, con la presenza di tutte le principali multinazionali, costituisce un elemento di sviluppo fondamentale. Per questo ancora chiediamo un impegno di tutte le Istituzioni a costruire un sistema di regole e vigilanza chenon costringa i lavoratori alla disperazione, in balia di chi cavalca la rabbia per propri scopi di visibilità, a scapito delle leggi che tutelano il diritto dei lavoratori a scioperare rispettando le regole. Resta per questo motivo imprescindibile un confronto urgente con gli organi preposti all’Ordine Pubblico, le Prefetture e le Istituzioni a livello Regionale. Quanto successo alla GLS di Piacenza è inaccetabile e non dovrà più ripetersi.

Per tali ragioni, Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Lombardia, sono a proclamare una prima azione di SCIOPERO REGIONALE di tutto il personale dipendente delle imprese del settore Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni per il giorno 30 settembre 2016 per l’intera giornata lavorativa e/o turno di lavoro dalle ore 00.00 del 30/9 alle ore 24.00 dello stesso giorno. Sono esclusi i lavoratori operanti in siti soggetti alla Legge 146/90 e SS.MM.II.

Lo sciopero sarù accompaganto da un presidio  sotto la Prefettura di Milano, quale soggetto istituzionale che rappresenta il Governo sull’intero territorio lombardo.

 

Scarica la Lettera di proclamazione dello sciopero delle Organizzazioni Sindacali

 

| | |
FILT Trasporti - Ultime notizie pubblicate