Le federazioni di Categoria > FP Funzione Pubblica > news

3/4/5 marzo 2015: ELEZIONI RSU NEI SETTORI PUBBLICI. VOTA LE LISTE DELLA CGIL!

27.01.2015

 

Continua il nostro IMPEGNO PER LA DEMOCRAZIA E LA PARTECIPAZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO

Con le elezioni del 3, 4 e 5 marzo si rinnova in tutta la Pubblica Amministrazione una straordinaria presenza di delegate e delegati in migliaia di posti di lavoro.

E ciò avviene in una fase difficile per i lavoratori pubblici, sottoposti ad un pesante attacco mediatico, indicati come responsabili delle lentezze e della inefficienza della Pubblica Amministrazione.

Eppure ci sono tantissimi lavoratori pubblici, che, pur in assenza di un rinnovato contratto di lavoro da più di 6 anni, continuano a svolgere il proprio dovere per garantire ai cittadini un servizio, per quanto possibile efficace ed efficiente.

Le responsabilità della situazione, in alcuni casi molto grave, in cui versa la Pubblica Amministrazione, è da addebitarsi in primo luogo alle scelte politiche compiute dai Governi e dalla Dirigenza Pubblica in questi anni, che hanno, tra l’altro, tollerato la presenza  di corruzione e malaffare.

Ciò che servirebbe è una iniziativa straordinaria per valorizzare il buon lavoro pubblico, premiare i dirigenti capaci e meritevoli, investire nella formazione e nella professionalità del personale.

E soprattutto serve rinnovare i contratti che non sono solo un diritto dei lavoratori, ma possono essere lo strumento per sostenere la necessaria trasformazione della Pubblica Amministrazione nella direzione della qualità e dell’efficienza.

Scuola, Università, Ricerca, Formazione Professionale, Enti Locali, Sanità, Enti periferici dello Stato: sono tanti i luoghi di lavoro che eleggeranno migliaia di delegati e delegate a sostegno della contrattazione e del lavoro. Questa tornata elettorale avviene mentre è in atto un difficile processo di riordino istituzionale i cui effetti negativi saranno pagati in primo luogo dai lavoratori.

Questo processo sta avvenendo in modo confuso, senza una chiara direzione di marcia, e in assenza di un governo regionale e nazionale, ma finalizzato esclusivamente a qualche risparmio di spesa. Mi riferisco alla riduzione delle deleghe alle province, all’accorpamento di Camere di Commercio, Prefettura, Provveditorato agli Studi e Direzione territoriale del lavoro,  in attesa di capire che fine faranno le direzioni di ASL e Ospedale e dopo aver già accorpato Aler e individuato un nuova bacino territoriale per il trasporto pubblico locale.

Il rischio non è solo che Lecco e il suo territorio perda la possibilità di poter decidere il proprio futuro, in termini di programmazione economica e sociale, ma che si riducano importanti servizi per i cittadini.

Infatti gli eventuali accorpamenti di importanti uffici pubblici significheranno inevitabilmente anche la chiusura di sportelli e attività di servizio rivolte a cittadini e imprese. Anche per questo la CGIL si presenta alle elezioni per il rinnovo delle RSU con l’obiettivo di difendere e migliorare i servizi pubblici, valorizzando i lavoro pubblico e al professionalità degli operatori.

 

Wolfango Pirelli – Segretario Generale Camera del Lavoro “Pio Galli” di Lecco

 

Leggi anche:

FP Cgil. Elezioni RSU: difendiamo la DEMOCRAZIA nei luoghi di lavoro

RSU FLC-CGIL 2015: democrazia, partecipazione, lavoro

 

News e iniziative Cgil Lecco

 

| | |
FP Funzione Pubblica - Ultime notizie pubblicate