stampa | chiudi
Firmato Accordo Quadro Ammortizzatori Sociali in deroga - II° semestre 2013

Nel primo pomeriggio di giovedì 27 giugno 2013, è stato raggiunto in Regione l’Accordo per gli Ammortizzatori sociali in deroga per il secondo semestre 2013, valido fino al 31 dicembre prossimo. La firma ufficiale è stata apposta il 2 luglio in sede di CRPLF ( il tavolo di confronto regionale previsto dalla legge ).

E' stato firmato, nella stessa data, anche il rinnovo per gli ammortizzatori sociali destinati alle imprese e ai lavoratori coinvolti nell’evento sismico del giugno 2012 della Provincia di Mantova che potranno godere di ulteriori sei mesi di cassa in deroga, senza condizioni e senza obbligo di politiche attive.

Abbiamo inoltre firmato un verbale, che alleghiamo, contenente gli impegni reciproci di Regione e Parti Sociali che dovranno essere portati a termine entro il mese di luglio e che rispondono positivamente al nostro comunicato stampa del 25 giugno.

Le parti si impegnano a condividere e trovare le soluzioni inerenti a :

- Anticipazione ai lavoratori: si lavorerà su tre ipotesi che potete leggere sul verbale. La nostra organizzazione ha dichiarato alla Regione, trovando concordi anche gli altri, che la modalità preferita sarebbe che le anticipazioni vengano erogate direttamente da Inps sulla base di risorse della regione, messe a disposizione allo scopo, anche in relazione al nuovo sistema di decretazione regionale. Il realizzarsi di questa possibilità è legato alla disponibilità di Inps Lombardia che al momento non ha sciolto la riserva. In caso di diniego da parte di Inps si andrà sulle altre due soluzioni indicate nel verbale

- Promozione dello strumento dei contratti di solidarietà, sia di tipo A che di tipo B

- Lancio condiviso entro la fine di luglio della Dote Unica Lavoro per una riorganizzazione delle politiche attive del lavoro regionali

Accordo Quadro Ammortizzatori sociali in deroga

Sono state accolte e inserite nel testo tutte le nostre osservazioni e proposte già evidenziate nella nostra Nota del 25 giugno scorso:

- Conteggio degli interventi per tutte le tipologie di imprese dal 1 aprile 2011

- Modalità di realizzazione della riduzione del 15% degli esuberi, per il rinnovo di intervento B: è stata definita quella più favorevole ai lavoratori; la riduzione sarà effettuata dopo che sia effettivamente trascorso un periodo di cassa pari o superiore a sei mesi, in concomitanza della presentazione della nuova domanda trimestrale

- Ripristino accordi di solidarietà con fino al 60% della riduzione dell’orario di lavoro

- Reinserimento del Caso III per l’accesso in caso di cessazione per una durata di tre mesi di Cigd, per aziende della tipologia 2, qualora non ricorrano le condizioni per effettuare la prosecuzione della Cigs

Tutte le aziende ( sia di tipologia 1 che di tipologia 2 ) potranno chiedere la sospensione fino a un massimo di 1.040 ore per lavoratore e cioè a zero ore, senza più le rigidità dell’intervento A. Quindi con queste norme abbiamo sostanzialmente mantenuto la platea dei beneficiari e reso lo  strumento più flessibile.

Politiche attive del lavoro

L’accordo prevede che l’obbligatorietà sia riservata ai soli lavoratori e alle lavoratrici che si trovano ad effettuare l’ultimo periodo di sei mesi di cassa in deroga non rinnovabili ( per le imprese di tipologia 1, si tratta del 4 rinnovo , per le imprese di tipologia 2, si tratta del secondo rinnovo). L’obbligatorietà è estesa a tutti quegli accordi la cui motivazione della sospensione è: cessazione di attività, procedure concorsuali, esuberi. In questi ultimi casi i lavoratori saranno oggetto di politiche volte alla ricollocazione, negli altri a politiche per la riqualificazione. I termini precisi per l’attivazione e per il lancio della Dote Unica lavoro saranno definiti entro la fine di luglio.

Modalità e tempistiche

Tutto il mese di luglio sarà a disposizione delle imprese e del sindacato per la firma degli Accordi che potranno essere retroattivi a valere dal 1 luglio 2013.

Importante Novità sulle decretazioni

E’ stato inserito nel testo dell’Accordo il nuovo sistema di decretazione, pensato per ovviare alle rigidità introdotte da Governo e Inps che fanno si che le risorse rimangano immobilizzate presso l’Inps per un tempo indeterminato e che non si possa procedere ad ulteriori decretazioni per il divieto di decretare in over booking.

Il nuovo sistema si attuerà in questo modo, dopo che, anche su questo punt, l’Inps scioglierà positivamente le sue riserve:

- Per gli accordi/domande nuove del 2 semestre si prevede che le aziende inviino in Regione mensilmente il rendiconto delle ore utilizzate; alla fine del 1 e del 2 trimestre la Regione provvederà a decretare quanto effettivamente utilizzato e l’Inps provvederà al pagamento

- Per gli accordi/domande del primo semestre in giacenza: al fine di consentire l’utilizzo delle risorse impegnate e non utilizzate, la Regione provvederà a revocare le risorse che risultino non utilizzate, sulla base della rendicontazione mensile, liberando risorse per ulteriori decretazioni

- A questo nuovo meccanismo sarebbe collegata l’anticipazione diretta ai lavoratori

Come potete vedere si tratta di meccanismi molto delicati, che devono essere attuati e verificati nella loro funzionalità e sui quali è indispensabile la disponibilità di Inps e la responsabilità delle imprese.

Il vantaggio derivante è quello di mantenere un monitoraggio costante sulle risorse e non bloccare continuamente le decretazioni, superando lo stallo attuale.

L’accordo di oggi da continuità al sistema degli Ammortizzatori Sociali in Deroga in Lombardia mettendo fine all’incertezza che si era creata nelle ultime settimane e questo rappresenta un punto positivo. Valutiamo positivamente anche l’essere riusciti a non restringere la platea dei beneficiari e la durata della cassa che potrà essere anche a zero ore fino al 31 dicembre 2013.

Permangono tutte le preoccupazioni per le risorse che a tutt’oggi risultano insufficienti per la copertura delle necessità dell’intero anno. Dovremo mantenere alta la nostra attenzione e la nostra capacità di mobilitazione.

 

Per la Segreteria Fulvia Colombini

Per il Dipartimento MDL FRS Radice Annalisa

 

Scarica il testo Accordo Quadro Ammortizzatori Sociali in deroga II° semestre 2013 e la DICHIARAZIONE A VERBALE

 

Leggi anche:

Cassa integrazione in deroga. “Dati allarmanti. Ci vuole un nuovo sistema di gestione della cassa integrazione in deroga e un maggior impegno da parte della Regione per rispettare le promesse fatte!”

Cassa Integrazione in deroga > PROTOCOLLO DI INTESA PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI E ALLE IMPRESE NELLE SITUAZIONI DI CRISI

 

Altre news e del Dipartimento Politiche del Lavoro e della formazione News iniziative Cgil Lecco