Gli sportelli > Artigiani > news

Cgil di Lecco. Conferenza stampa sui dati del tesseramento.

29.02.2012

Mercoledì 29 febbrario 2012 si è tenuta la conferenza stampa relativa ai dati sul tesseramento della Cgil di Lecco.

L’incontro con la stampa si è aperto con un breve intervento del Segretario Generale Wolfango Pirelli che ha sottolineato la sostanziale tenuta del tesseramento e l’importanza di tale tenuta soprattutto in un momento drammatico come questo  in cui la crisi continua a farsi sentire: “ Possiamo tranquillamente dire che i dati del tesseramento ci inducono a pensare che l’azione della Cgil è stata premiata dai cittadini: anche in un periodo come questo, i dati a nostra disposizione  sono positivi”.

Pirelli ha poi ricordato un importante appuntamento: le elezioni delle RSU nella scuola e nel comparto pubblico del 5, 6 e 7 marzo. “Il risultato elettorale ci sta particolarmente a cuore non solo perché siamo stati l’unica organizzazione sindacale a chiedere a gran voce le elezioni, ma anche perché il dato delle elezioni indicherà (anche a livello nazionale) la rappresentatività delle diverse sigle sindacali sui tavoli di trattativa. E la Cgil è sempre stata, sia a livello nazionale che nella nostra provincia, il primo Sindacato nel comparto pubblico. Pensiamo, inoltre, che il voto sarà l’espressione del giudizio sull’attività svolta dalla Cgil rispetto a quella svolta dalle altre sigle sindacali che hanno in passato firmato accordi che la Cgil non ha mai sottoscritto perché peggiorativi e dannosi per i lavoratori”.

Ha preso poi la parola il Segretario Organizzativo della Cgil di Lecco Sergio Fassina che ha illustrato nello specifico i dati del tesseramento. “Premesse fondamentali per una corretta lettura dei dati del tesseramento” ha sottolineato Fassina “ è che c’è uno stretto rapporto tra la situazione economica, le ripercussioni che questa ha sul Mercato del Lavoro e il tesseramento stesso. Dai dati che emergono dal  II° Report Annuale presentato dall’Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro, risultano evidenti due situazioni di forte criticità: la perdita del lavoro, in provincia, spinge molti lavoratori qualificati a cercare in  altre province la soluzione ai loro problemi occupazionali (conseguente perdita di competenze sul territorio). In secondo luogo si rileva un tasso di disoccupazione giovanile  molto elevato unitamente ad un’area di giovani che non risultano inseriti in alcun percorso (scolastico e/o lavorativo). Lecco ha ancora un alto tasso di occupazione (circa il 70%) ma il dato preoccupante diventa l’altrettanto elevato tasso di disoccupazione che, rispetto agli anni precedenti, ha avuto un incremento di oltre il 100%. Negli ultimi due/tre anni, la provincia di Lecco ha perso oltre 3000  occupati che, stimiamo, potrebbero salire a 4000 entro la fine dell’anno”.

Fassina ha poi esplicitato i dati del tesseramento precisando che i risultati sul tema del tesseramento sono, nella difficile congiuntura che stiamo attraversando, sempre più l’effetto derivato dal combinato disposto di una coerente attività di tutela collettiva (svolta dalle categorie) unita ad una costante ristrutturazione e rimodulazione sul versante organizzativo e dei servizi erogati (tutela individuale):  ciò è indispensabile per poter rispondere a domande e richieste sempre più complesse e diversificate. “Le categorie che crescono maggiormente sono lo Spi (pensionati) e la Flc (la scuola) e Filcams (commercio e servizi). Quelle invece che subiscono una flessione dovuta alla gravissima crisi economica che sta investendo i settori di riferimento sono la Fiom (metalmeccanica), la Fillea (edilizia) e il comparto tessile. Tengono bene i settore della Chimica e il Nidil (il sindacato che si rivolge ai lavoratori precari) che registra un aumento. Vogliamo anche sottolineare un dato interessante: molte tessere provengono dai migranti che si rivolgono a noi in cerca non solo di risposte relative all’attività lavorativa ma per i quali siamo diventati un vero e proprio punto di riferimento nella consulenza e nel disbrigo di una serie di pratiche burocratiche e amministrative che diventano sempre più onerose e complicate.

Per fare in modo che la Cgil possa continuare ad essere un interlocutore privilegiato per i nostri iscritti e per tutti i cittadini abbiamo in programma, in aggiunta alla  recente apertura –   all’interno del patronato INCA – di uno sportello di Sostegno  al Reddito, anche l’apertura  – prossima  – di uno sportello di sostegno e orientamento in sede di tutela penale nei casi di infortunio e malattie professionali (sportello che opererà in sinergia con il Patronato e con personale specificamente formato). Tutto ciò avverrà   integrando servizi già esistente al nostro interno con nuove specialistiche competenze.

Un bilancio dunque positivo nel quale il tesseramento è il risultato finale di un’azione complessa che premia  coerenze politiche, capacità di proposta e di risposta ai nuovi e vecchi bisogni dei nostri rappresentati. La CGIL di Lecco intende in questo modo riaffermare la centralità della dignità del lavoratore e dei suoi diritti nel luogo di lavoro e nella società.

 

Scarica la tabella del Tesseramento 2011 – per Comprensori e la tabella del Tesseramento 2011 – per Categorie.

 

News iniziative Cgil Lecco

 

| | |