Le federazioni di Categoria > FILCTEM Chimica Energie Manifatture > news

Crisi Aerosol. Filctem: “La proprietà investa per far ripartire la produzione”

29.08.2017

La crisi si aggrava alla Aerosol Service di Valmadrera. Da domani, infatti, si fermerà la produzione. “Ancora non sappiamo quanti giorni di stop ci saranno – afferma Nicola Cesana, segretario generale di Filctem Cgil Lecco –, sicuramente una settimana, poi si vedrà”. E il rischio di perdere il lavoro per i 95 dipendenti è alto. L’azienda è una storica terzista nel Lecchese e si occupa di produrre per importanti marchi dell’industria farmaceutica e cosmetica. Ma da un paio di anni a questa parte è iniziato il declino.

“Abbiamo firmato due contratti di solidarietà consecutivamente – prosegue Cesana –, ma il lavoro non mancherebbe. Le consegne urgenti sono state sbrigate, ora però la produzione non riesce ad andare avanti perché manca la liquidità per reperire materie prime e quindi per terminare le altre commesse”. Quindi parte unitario, insieme anche a Femca Cisl e Uilcem Uil, l’appello alla proprietà. Ma qui sorge un problema. Perché fino a inizio anno la società era riconducibile alla famiglia Fiocchi, titolare tra l’altro dell’azienda di munizioni a Belledo, mentre ora si perde in Lussemburgo.

La Aerosol, infatti, è detenuta al 100% dalla Seconda investimenti srl che a sua volta è di proprietà della Karmainvest spa, la cui sede è nel Granducato. Per entrambe le società, al momento della ricerca dei dati, lo scorso marzo, l’amministratore unico era Giovanni Bartoli, ex amministratore anche dell’azienda valmadrerese prima che iniziassero i suoi problemi legali quasi due mesi fa. “Oggi c’è un consiglio di amministrazione formato due professionisti e un terzo che agisce da consulente – indica il sindacalista –, non sappiamo però chi sia la vera proprietà”.

La preoccupazione è quella di tutelare i posti di lavoro. “Per due anni abbiamo portato avanti trattative con la dirigenza e Confindustria, per cercare di salvare l’azienda e i dipendenti. Chiediamo quindi che i proprietari mettano liquidi per far ripartire la riproduzione. Anche presa per i capelli si può salvare questa situazione e il futuro dei lavoratori”.

Il 13 settembre è atteso l’aumento di capitale, ma non ci sono certezze. Domani, intanto, i rappresentanti sindacali incontreranno i vertici di Aerosol negli uffici di Confindustria. È prevista un’assemblea con i lavoratori nella giornata di giovedì.

Scarica qui la lettera delle organizzazioni sindacali ai soci

 

 

| | |
FILCTEM Chimica Energie Manifatture - Ultime notizie pubblicate