Le federazioni di Categoria > FLC Lavoratori della Conoscenza > news

Flc Cgil Lombardia. “Basta annunci e rinvii, il Governo intervenga subito sulla stabilizzazione e lasci i soldi alle scuole pubbliche statali”

04.03.2015

Comunicato stampa di TOBIA SERTORI – SEGRETARIO FLC-CGIL REGIONALE

.

Dopo gli annunci, arrivano i rinvii su decisioni importanti per la scuola italiana. Il Consiglio dei Ministri di oggi, che avrebbe dovuto mettere nero su bianco le procedure annunciate nel proprio Piano denominato “La Buona Scuola” rispetto alla stabilizzazione dei precari, lascia nell’incertezza questa (ampia) parte di lavoratori. In merito, interviene Tobia Sertori, segretario generale regionale della FLC-CGIL della Lombardia.

“Il fatto che sulla scuola (in materie non di carattere urgente) si proceda con un Disegno di Legge e non per Decreto ci trova favorevoli: ridare la parola e un ruolo al Parlamento, esautorato da qualsiasi discussione, è ciò che prevede la nostra Costituzione. Speriamo si trovino tempi e strumenti, non sicuramente on-line, per coinvolgere le scuole e le rappresentanze sociali. L’urgenza della stabilizzazione dei precari (prevista anche dalla sentenza della Corte di Giustizia Europea, dopo i ricorsi proposti dalla FLC-CGIL) è un atto dovuto, così come la costituzione dell’Organico Funzionale promesso nel Piano Scuola del Governo, che, tra l’altro, dovrebbe essere meglio esplicitato e non lasciato nell’incertezza (ci chiediamo che tipo di organico si voglia costruire, per svolgere quali funzioni e con quali docenti).

Per poter consegnare alle scuole il 1° settembre 2015 gli organici funzionali e i docenti stabilizzati non c’è tempo da perdere. Per le procedure corrette già oggi siamo in ritardo: i tempi previsti per un Disegno di Legge non consentiranno l’applicazione della stabilizzazione e del nuovo organico funzionale per il prossimo anno scolastico.

Dall’altra parte, non tollereremo un intervento legislativo su materie che riguardano il rapporto di lavoro. Il luogo deputato a questo è solo il Contratto collettivo nazionale, scaduto da ben 5 anni. Orario di lavoro, formazione, carriera, figure di sistema, profili professionali, organizzazione del lavoro, salario sono temi esclusivi del  tavolo di trattativa. E’ urgente, per questo, riaprire il rinnovo contrattuale. La FLC-CGIL ha pronta l’ipotesi di piattaforma contrattuale per il 2015/2017: siamo pronti a discutere. Ci preoccupano fortemente le notizie che man mano trapelano dal palazzo del Governo e che annunciano l’introduzione di sgravi fiscali alle famiglie che iscriveranno i figli alle scuole paritarie. Non solo il Governo dichiara che le ‘risorse pubbliche non saranno mai sufficienti a colmare le esigenze di investimenti nella nostra scuola’ e per questo chiede ai privati un intervento economico, ora l’esecutivo pensa di utilizzare sgravi fiscali per le scuole paritarie, operazione a nostro avviso che aggira le regole della Costituzione. Obbligo dello Stato è, innanzitutto, quello di finanziare la scuola della Repubblica, quella statale, con risorse adeguate, organici idonei per una buona didattica, edifici sicuri: queste sono le urgenze”.

 News e iniziative Cgil Lecco

| | |
FLC Lavoratori della Conoscenza - Ultime notizie pubblicate