stampa | chiudi
Nasce il Coordinamento Politiche Sociali Territoriali della Camera del Lavoro di Lecco
Mercoledì 8 ottobre si è tenuta la riunione costitutiva del Coordinamento Politiche Sociali Territoriali della Camera del Lavoro di Lecco.
Alla presenza di quasi tutte le Categorie e Servizi, con la partecipazione di segretari e/o delegati, la relazione introduttiva ha delineato i principi ispiratori e gli obiettivi dell'operazione.
 
Nel contesto della crisi economica che accentua sempre più le condizioni di difficoltà delle persone vi è la necessità di poter accedere ai servizi ed al welfare con i livelli di qualità accettabili, un sistema tariffario sostenibile, come pure ad un sistema di flessibilità locale equo. Le scelte operate dai diversi enti in queste materie determinano per le persone coinvolte effetti tutt’altro che trascurabili anche sul piano economico.
 
Vi è quindi la necessità, in coerenza con le scelte strategiche congressuali, di rafforzare l’impegno di tutta l’organizzazione sui temi delle Politiche Sociali e in particolare della Contrattazione Sociale Territoriale, cioè quell'attività negoziale complessa svolta con enti locali, aziende sanitarie e altre istituzioni responsabili del sistema di welfare del territorio.
 
Al Coordinamento è affidato il compito di sostenere e promuovere questa attività a partire dal confronto sui diversi temi, alla formulazione di proposte e orientamenti, con il coinvolgimento a tutti i livelli dell’organizzazione e la valorizzazione delle diverse competenze. Particolare attenzione dovrà essere posta nel creare le condizioni di una diffusa informazione e partecipazione nei luoghi di lavoro.
 
Il Coordinamento sarà quindi luogo di discussione politica, elaborazione linee guida, individuazione dei percorsi, analisi dei risultati.
 
Le modalità organizzative con riunioni periodiche, produzione di documenti, collegamento con mailing list, etc, saranno decise autonomamente.
 
La composizione del Coordinamento, oltre ai referenti di CdLT e Spi che già si occupano della materia, prevede la presenza stabile di almeno un referente (segretario, funzionario, delegato) per ciascuna categoria o servizio.
 
La riunione, dopo ampia discussione con il contributo di tutti i partecipanti sui diversi aspetti di merito e di metodo, si è infine conclusa individuando tra le priorità di azione su cui avviare il proprio lavoro, i rapporti con il Comune capoluogo, e l'avvio del nuovo ISEE.
 
 
News iniziative Cgil Lecco