Servizi > Patronato INCA > news

Ottava salvaguardia. Il Patronato INCA CGIL: “Le domande entro il 2 marzo”

20.01.2017

patronato-inca-cgil“Chi ha lavorato per aziende che hanno cessato l’attività ed è vicino all’età pensionabile venga da noi per chiarimenti. Potrebbero esserci possibilità di andare in pensione”. Il patronato INCA CGIL di Lecco lancia l’appello a tutti coloro che potrebbero usufruire dell’ottava salvaguardia, l’iniziativa del governo realizzata apposta per i lavoratori che sono rimasti senza occupazione a causa del fallimento della propria azienda entro il 31 dicembre 2014.

La richiesta va fatta entro il 2 marzo – spiega Cinzia Gandolfi, responsabile del patronato INCA CGIL –, per questo chiediamo a tutti coloro che hanno lavorato in aziende fallite, e sono vicini alla pensione, di recarsi da noi; potrebbero scoprire di essere ammessi con la nuova salvaguardia”.

È il caso, per esempio, degli ex dipendenti di Corno Marco, Onyx, Grattarola, Helman, ma non della Leuci, “perché l’azienda non è mai stata chiusa ufficialmente” ricorda la responsabile. Per la settima salvaguardia attuata dal governo, lo scorso anno, negli uffici Cgil di via Besonda sono arrivate ben 250 domande, anche se non tutte sono state accolte. “Ma niente paura – continua Gandolfi – l’ottava salvaguardia è stata realizzata apposta per chi avrebbe avuto i requisiti, ma non è riuscito ad andare in pensione con la settima”.

Non ci sono ancora notizie sulle altre iniziative pensionistiche, da ape social ai precoci, e nemmeno i progetti per il sostegno del reddito, come “Mamma domani”. “Non ne sappiamo ancora nulla, non ci è stato ancora comunicato alcunché. Purtroppo attendiamo novità dal governo e non possiamo rispondere ai tanti che ci chiedono lumi”.

 

 

| | |
Patronato INCA - Ultime notizie pubblicate